L'edificio

foto 1: esterno d'epoca
foto 2: prospettiva da Viale Ledra
foto 3: particolareggiamenti

L'edificio è la palazzina ex portineria della Distilleria Canciani & Cremese, poi demolita.

Opera del 1905 dell'arch. Silvio Piccini (1887-1955), è di forma angolare e sorge in un’area di espansione novecentesca e rappresenta ciò che resta di un ampio complesso Art Nouveau.

L’edificio principale era decorato con elementi floreali in pietra artificiale e l’ingresso si caratterizzava per una pensilina in ferro vetro a soffietto derivata da esempi di Olbrich.

La decorazione fu asportata nel 1946.

A differenza dell’edificio delle distillerie in cui il Liberty é determinato dalle sovrapposizioni decorative, la portineria ha una struttura di gusto Liberty giocata sull’assimetria.

La pianta é articolata, irregolare, composta da setti edilizi.

Il corpo angolare é coperto da un tetto a doppio spiovente ed é decorato con incorniciature e una testa decorativa in pietra artificiale.

Il corpo centrale é coperto da una terrazza ed é caratterizzato da una porta d’ingresso alla Olbrich con una inferriata in piattina con linee a schiocco di frusta, una ringhiera simile corona, la terrazza superiore termina con un elemento a torre in pietra artificiale con varie balaustre.


Notizie storiche/architettoniche tratte da:
"CATALOGAZIONE DELLE OPERE DI ARCHITETTURA DAL PERIODO ECLETTICO-STORICISTA AI GIORNI NOSTRI E DEL PATRIMONIO EDILIZIO RURALE SPONTANEO E PROPOSTE DI NORME DA INTRODURRE NEL PRGC - SCHEDE DESCRITTIVE - EDIFICI DI GRANDE INTERESSE ARCHITETTONICO", COMUNE DI UDINE, AGOSTO 2004, pagg 258-260.

Foto 2-3-4-5 tratte dal catalogo online:
www.flickr.com (foto)     www.flickr.com (show)
inserite da Architettur@Udine / Giorgio Cecatto .

foto 4: particolareggiamenti foto 5: particolare portone